In After Anna Todd Hardin Scott recensione Sperling & Kupfer Tessa Tessa Young Un cuore in mille pezzi Young adult

Recensione "After - Un cuore in mille pezzi" di Anna Todd (Attenzione spoiler)

TITOLO: After - Un cuore in mille pezzi.

AUTORE: Anna Todd

PREZZO: 14,90 euro

NUMERO PAGINE: 465

CASA EDITRICE: Sperling & Kupfer

TRAMA: Dopo il loro incontro, niente è stato più come prima. Superato un inizio burrascoso, Tessa e Hardin sembravano sulla strada giusta per far funzionare le cose. Tessa si era ormai arresa al fatto che Hardin... è Hardin. Con il suo carattere, la sua rabbia. Ma anche simpatico, divertente, dolce - quando vuole - e dannatamente sexy. Eppure la rivelazione sulle origini della loro relazione ha lo stesso l'effetto di una bomba. Tessa è sconvolta, fuori di sé. La sua vita prima di lui era così semplice e chiara. Ora, dopo di lui, è solo... dopo. Chi è davvero Hardin? Il ragazzo di cui si è perdutamente innamorata nonostante tutto? O uno sconosciuto, un bugiardo fin dal principio? Vorrebbe allontanarsene. Ma non è così facile. Non con il ricordo delle sue braccia intorno a lei. Della sua pelle. Del suo tocco. Dei suoi baci affamati. E non è sicura di poter sopportare un'altra bugia, un'altra promessa non mantenuta. Per lui, ha messo tutta la sua vita tra parentesi - l'università, gli amici, il rapporto con sua madre, un ragazzo che l'amava sul serio, e forse anche una promettente carriera nell'editoria. Ora Tessa deve andare avanti. Con o senza di lui. Ma Hardin sa di aver commesso un errore, forse il più grande della sua vita, e non ha intenzione di arrendersi senza combattere. Saprà cambiare? Cambiare ... per amore? 

RECENSIONE:  
Scusate, avverto già da subito che non avrò pietà e userò un linguaggio poco carino.



Ma come è possibile che un libro del genere sia anche solo stato pubblicato? Non perché la storia non sia bella (anche se in questi due libri non è che sia stata eccezionale): il problema di base è il messaggio che fa passare.


Diciamolo chiaro e tondo: lui , Hardin, non è normale, lei, Tessa, ancora meno.

Più torti e bugie davvero orribili lui fa e più lei scopre "di amarlo davvero". Se avete letto il primo libro sapete come finisce; se invece non l'avete letto in guardia: sto per fare degli SPOILER

In pratica si scopre che lui inizialmente ha conquistato lei per una scommessa con gli amici, perché avevano scoperto che Tessa era ancora vergine. Insomma, capite bene che è super divertente l'idea di puntare dei soldi per farle perdere la verginità, stupida io a non capirlo!
Ma il problema non è questo. No no no, il problema è che lei dopo forse nemmeno una settimana prova a perdonarlo.
Davvero?! Ora, posso capire che quando si è presi dall'ammmmore magari non si vedono le cose in modo obiettivo, ma tutto ha un limite. Una cosa del genere non può semplicemente essere eclissata con la scusa del “ti amo”. 
Altra, ennesima, cosa che mi ha dato fastidio è come lei continuasse a ripetere “si è preso gioco della mia verginità”. Capiamoci: una scommessa simile non fa schifo per la verginità in gioco, avrebbe fatto schifo pure se se fosse stato il decimo ragazzo della sua vita. Ha deriso una persona alle spalle, prendendola per il culo e sputtanandola, ma tranquille che lui non voleva farglielo scoprire dagli altri (certo se non lo scopriva era tutto okay), voleva tirarsi indietro. Il perché non l'abbia fatto non lo sa nessuno, nemmeno lui secondo me. 

Il secondo libro inizia con lui che sente la mancanza di Tessa e che per buona parte del tempo si sente in colpa e tenta di riottenere la fiducia di lei, che ovviamente un passo alla volta lo perdona. 
È finita qui? Certo che no. Il carattere di lui è davvero instabile, un continuo “il suo tono della voce è arrabbiato”, “ha fatto ancora a botte”, “è andato ancora a bere”, “mi ha mentito ancora”, insomma una tranquilla ed equilibrata persona su cui fare affidamento.

Hardin ha una gelosia davvero spaventosa, non prendiamoci per il culo con la solita frase “se è geloso ci tiene!”, perché picchiare qualcuno (non Tessa), imporre e ordinare a qualcuno cosa fare non è nemmeno lontanamente concepibile. Mentre convivono (sì, perché prima che lei scoprisse della scommessa, lui con i soldi vinti ha comprato un appartamento per loro, intestandolo pure a lei, convinto che così facendo lei si sarebbe arrabbiata di meno... parliamone, anzi no per l'amor del cielo, meglio di no!), Tessa scopre che una cosa simile a quello che aveva fatto a lei, Hardin l'aveva già fatto ad una ragazza mentre era in Inghilterra (lui è inglese). Aveva, sempre per scommessa, ripreso una ragazza inconsapevole mentre facevano sesso, e aveva poi fatto vedere a tutti il video da bravo maschio alpha cretino. Lei ovviamente si ritroverà distrutta e ripudiata da tutti, ma tanto a lui che frega? Niente.
E la nostra super Tessa, dopo una pagina dove dice di essere arrabbiata e dove lui chiede scusa ripetendo sempre “sono una stronzo, ma prometto che cambierò!” decide bene che non può continuare ad essere arrabbiata, che è una cosa passata e bisogna guardare avanti.

Agghiacciante. A-G-G-H-I-A-C-C-I-A-N-T-E.

Questa è davvero la storia d'amore che tutte sognano? Come può l'autrice anche solo fingere di giustificare certi comportamenti? I libri insegnano, ci trasmettono qualcosa... cosa dovrebbe pensare una ragazzina mentre legge una cosa simile? Che se si ama si può giustificare tutto? No, cari miei, non esiste proprio. 
La prima cosa che ho pensato è stata: come può sentirsi veramente una persona che ha passato tutto ciò? Nella vita reale succede anche di peggio, questo libro dovrebbe stroncare certi ragionamenti!
Il problema non è il comportamento orribile di lui, ma come lei lo perdona! Perché se l'autrice condannasse ogni comportamento di Hardin, allora tutto sarebbe diverso, sarebbe un libro da cui imparare a reagire, invece no. 'Sto schifo verrà pure trasmesso al cinema.


In alcuni passaggi i pensieri del ragazzo sono: “le ho detto quelle cose per farla star male” oppure “se le faccio pena magari viene in Inghilterra con me”. Lui non vuole andare a Seattle con lei, che si trasferisce per lavoro, non gli piace quella città e allora sia mai che si riesca a trovare un compromesso da persone civili, no, meglio dare ordini e dire bugie. 
Come ho detto subito, lei è ancora meno normale di lui. Ad ogni litigio ripete che non è giusto che le vengano dati ordini, che non le può imporre delle cose, ma ci sta comunque insieme. Quando un amico di lui le fa notare che in questa relazione sembra che scelga tutto Hardin il suo primo pensiero è: “Lo so che Hardin ha spesso questo comportamento, ma sentirmelo dire da un'altra persona fa male”. Nonostante tutto lei ancora non si sveglia, anzi lui da mezzo ubriaco le dice che se sceglie lui, possono sposarsi (scegliere lui vuol dire non andare a Seattle, ma in Inghilterra...) e lei inizia a dare peso a quelle parole.

Io così:


Una cosa furba la devo riconoscere all'autrice: lascia sempre la fine dei libri a metà. Unico modo per far leggere a qualcuno cinque libri del genere.

Io ho appena iniziato il terzo, giusto per capire un po' la fine del secondo, ma non credo riuscirò a finirlo, per quanto mi scocci lasciare un libro a metà.

Fatemi sapere cosa ne pensate voi, fatemi capire se un lato positivo in questo libro c'è.




P.s. vorrei ringraziare Tina Cipollari per il suo supporto in questa recensione.

Related Articles

2 commenti:

  1. Wau quando si dice fare a pezzi qualcuno 😜 Sembra che Tina si sia impossessata di te! Anch'io ho più volte insultato i personaggi e dopo averli letti tutti, perché per quanto se ne parli male i libri si leggono che è un piacere, ho più volte ribadito che mai è poi mai avrei sopportato tutto quello che Hardin ha fatto a Tessa. Per quando triste possa sembrare però oggi il 99% dei rapporti si manifesta in questo modo,si vedono in giro ragazzine che piangono per ragazzi che non sanno dove sia di casa il rispetto o viceversa. Mi sa che è per questo che sono ancora sola,nessun Mister Darcy all'orizzonte! 😔 I romanzi di oggi si stanno adattando a quello che si vede in giro e in fondo credo che ci faccia un pochino bene perché non troveremo mai, e sottolineo il MAI, l'uomo perfetto che gli autori romantici che ci piacciono tanto descrivono. Posso solo dire che non volevo affatto leggere questo romanzo ma una volta iniziato il primo non ho potuto far altro che continuare è come una droga e non vedo l'ora di leggere anche di Landon!!!😱😱

    RispondiElimina
  2. Questa recensione ha fatto uscire il meglio di me! Concordo quando dici che si leggono davvero velocemente nel bene e nel male. Non smettere di aspettare il tuo Mister Darcy vedrai che arriverà qualcuno che ti farà vivere la tua bellissima storia d'amore! meglio aspettare che trovarsi anche solo un uomo come Hardin ;)

    Grazie per aver commentato!

    RispondiElimina

Archivio degli articoli

Powered by Blogger.