In 13 reasons why Christian Navarro Clay Jensen Dylan Minnette Hannah Baker Jay Asher Kate Walsh Katherine Langford Lord Huron Mondadori Netflix The night we met Tredici

Recensione "Tredici" di Jay Asher

La copertina del libro, rifatta dopo 
l'enorme successo avuto dall'omonima
serie trasmessa da Netflix.
TITOLO: Tredici

TITOLO ORIGINALE: 13 reasons why

AUTORE: Jay Asher

PREZZO: 17,00 euro

NUMERO PAGINE: 229

CASA EDITRICE: Mondadori

TRAMA: "Ciao a tutti. Spero per voi che siate pronti, perché sto per raccontarvi la storia della mia vita. O meglio, come mai è finita. E se stato ascoltando queste casette è perché voi siete una delle ragioni. Non vi dirò quale nastro vi chiamerà in causa. Ma non preoccupatevi, se avete ricevuto questo bel pacco regalo, prima o poi il vostro nome salterà fuori... Ve lo prometto." Quando Clay Jensen ascolta il primo dei nastri che qualcuno ha lasciato per lui davanti alla porta di casa non può credere alle sue orecchie. La voce che gli sta parlando appartiene ad Hannah, la ragazza di cui è innamorato dalla prima liceo, la stessa che si è suicidata soltanto un paio di settimane prima. Clay è sconvolto, da un latonon vorrebbe avere nulla a che fare con quei nastri. Hannah è morta, e i suoi segreti dovrebbero essere sepolti con lei. Ma dall'altro, il desiderio di scoprire quale ruolo ha avuto lui nella vicenda è troppo forte. Per tutta la notte, quindi, guidato dalla voce della ragazza, Clay ripercorre gli episodi che hanno segnato la sua vita e determinato, in un drammatico effetto valanga, la scelta di privarsene. Tredici motivi, tredici strie che coinvolgono Clay e alcuni dei suoi compagni di scuola e che, una volta ascoltati, sconvolgeranno per sempre le loro esistenze.


RECENSIONE:
L'autore del libro.
Un romanzo che ha fatto molto parlare di sé è sicuramente 13 reasons why, tradotto in Italia col titolo Tredici, da cui è stata tratta l'omonima serie televisiva andata in onda su Netflix la scorsa primavera.

Ma quali sono i segreti che si celano dietro al suo successo?

Come molti di voi sapranno, il romanzo narra la storia di Hannah Baker, una ragazzina di prima liceo che, prima di togliersi la vita, decide di incidere delle cassette per far sapere i motivi che l'hanno portata a compiere l'insano gesto.

Dylan Minnette e Katherine Langford in una scena del telefilm 
"13 reasons why".
Quello che, probabilmente, pochi di voi sapranno è che il libro è basato su una storia vera. L'autore, Jay Asher, ha infatti dichiarato:

Un mio parente ha quasi perso la propria vita quando aveva la stessa età di Hannah Baker, protagonista di 13 reasons why. Fino a quel triste episodio, avevo cercato di scrivere libri divertenti indirizzati a un pubblico giovane, ma non avevo mai pensato di parlare di questo accaduto. Nove anni dopo è arrivata l'idea: pensavo fosse un tema molto forte e che si sarebbe rivelato positivo affrontarlo, così ho scritto Tredici. [...] Penso che ci fosse bisogno di un po' di tempo per assimilare tutto. Se avessi scritto subito della storia di questo membro della famiglia, non avrei affrontato il libro con la stessa prospettiva. In questi anni ho avuto modo di parlare del tema anche con mia moglie e con i miei amici, mi sono documentato sul suicidio e sulla depressione e Tredici è sicuramente frutto di questo.

La copertina originale del libro.
Senza ombra di dubbio i temi trattati, sia dal libro che dal telefilm, sono molto forti. Un punto a favore dell'autore è dato dall'essere riuscito a raggiungere e a sensibilizzare una tale vastità di pubblico: non è cosa da poco suscitare una reazione forte, a livello mondiale, parlando della depressione giovanile.

Per esigenze di copione, il telefilm è molto diverso dal libro, soprattutto per quanto riguarda i protagonisti delle 13 cassette e le loro interazioni, sia tra di loro che con Hannah. La figura di Clay è schiva e solitaria: sulle pagine ci vediamo presentare un ragazzo timido e segretamente innamorato di Hannah al punto di non aver nemmeno il coraggio di parlarle. Sulla scena, invece, vediamo un ragazzo che ha certamente poche amicizie, ma è più spigliato e a tratti persino molto audace.

Inoltre, il lasso temporale è diverso: nel libro Clay ascolta tutte e tredici e cassette nel giro di 24 ore, mentre nel telefilm impiega delle settimane per venirne a capo (una bell'agonia per gli spettatori!).

Memorabile è la colonna sonora del telefilm e bellissima è la canzone The night we met di Lord Huron, che accompagna la scena del ballo tra Clay e Hannah.

Visto l'enorme successo ottenuto dalla serie televisiva, di cui ho trovato carinissima la strutturazione in 13 episodi, la società di Netflix ha deciso di finanziare una seconda stagione, che andrà in onda nel 2018 e in merito alla quale l'autore ha dichiarato:

Mi piacerebbe una continuazione per tutti quei personaggi... Sono curioso. Cosa succede a Clay? Qual è la reazione delle persone a ciò che Alex fa alla fine? Cosa succede al Sig. Porter? A un certo punto avevo pensato a un sequel. Ci ho riflettuto su, ma ho deciso di non scriverlo. Quindi, mi piacerebbe vederlo.
                                                                                    

Inutile dire che, anche noi, attendiamo con ansia l'inizio della nuova stagione per vedere come si svolgeranno le vicende dei vari protagonisti. E voi?

Fatecelo sapere con un commento qui sotto o sui nostri social:



💖Facebook - Instagram💖



 VOTO:



Related Articles

0 commenti:

Posta un commento

Archivio degli articoli

Powered by Blogger.